Realizzazione del comprensorio unico sciistico Torcola Vaga e Soliva

Realizzazione del comprensorio unico sciistico Torcola Vaga e Soliva


Intervista al Sindaco di Piazzatorre Michele Arioli



Cosa ha impedito quest'anno la riunificazione dei due comprensori?

La realizzazione del comprensorio unico sciistico è legata inscindibilmente alla firma della convenzione notarile inerente il Piano Integrato di Intervento, che vede come attuatore la società Alta Quota Srl; la stipula è prevista a breve termine, ma non è ancora stata perfezionata per alcune ragioni: sussistono infatti a tutt'oggi alcune problematiche non ancora risolte inerenti da un lato l'iter autorizzativo necessario per gli interventi e dall'altro lato i diritti oggetto di accordo, specialmente per il demanio "Sesp"; inoltre, occorre considerare lo stato dei "vecchi" impianti, che imporrebbe costi di messa in utilizzo troppo elevati in relazione al fatto che la seggiovia Zuccone-Torcola diverrà definitivamente inutilizzabile da aprile del 2010 e andrà quindi sostituita.


Chi è attualmente il proprietario di Torcola Soliva?

La proprietà degli impianti di risalita oramai fermi da qualche anno risulta essere tuttora in capo alla società Sesp, la quale ha promesso in vendita il proprio compendio aziendale alla società Alta quota mediante un contratto preliminare.

Realizzazione del comprensorio unico sciistico Torcola Vaga e Soliva


Partiranno lo stesso i lavori alle Colonie e alla Tagliata?

No, per il momento; è previsto infatti che qualsiasi intervento edificatorio da parte del Privato sia subordinato alla firma della convenzione notarile, in modo tale che vi sia contestualmente l'assunzione in capo alla società dei dovuti obblighi di adempimento, ivi inclusa la prestazione di idonee garanzie per la realizzazione degli interventi previsti e per la gestione almeno decennale del comprensorio.


Come si pone il partner privato nel progetto di rilancio? Gli obiettivi sono solo rimandati o c'è un passo indietro?

Nonostante le difficoltà che ogni operatore si trova ad affrontare in questo contesto economico, la volontà espressa dall'imprenditore negli incontri avuti con l'amministrazione è quella di continuare nel solco degli accordi sin qui raggiunti; l'apertura estiva degli impianti, che non avveniva da alcuni anni, ne è segnale e conferma allo stesso tempo.

Realizzazione del comprensorio unico sciistico Torcola Vaga e Soliva


Indipendentemente dall'unificazione dei due comprensori, quali novità (se ci sono) troveranno gli sciatori a Torcola Vaga?

Il Comune si sta attivando al fine di mettere in opera un intervento infrastrutturale al Piazzo, per poter creare nuovi spazi a parcheggio nella zona vicina alla partenza degli impianti; la società dal canto suo ritiene prioritario, in attesa del comprensorio unico, portare a termine l'impianto di innevamento della pista del Bosco.


Esiste un progetto per ripristinare lo Ski pass unico vallare, o per associarsi a Brembo-ski? Si sa che l'unione fa la forza, non converrebbe un'intesa di questo tipo?

Siamo favorevoli ad ogni iniziativa che sia tesa al miglioramento della capacità ricettiva turistica complessiva della Valle e in quest'ottica lo ski-pass vallare è una buona opportunità, così come lo potrebbe essere l'associazione con Bremboski, anche se in un futuro non immediato; Attualmente dobbiamo concentrarci per ottenere l'unificazione dei comprensori di Piazzatorre; una volta compiuto questo passo, con la proprietà degli impianti in capo al Comune, ci sarà spazio per aprirsi a nuove possibilità.


Realizzazione del comprensorio unico sciistico Torcola Vaga e Soliva


Ringraziamo Michele Arioli sindaco di Piazzatorre per l'intervista concessaci.
Piazzatorre, 1 Settembre 2009




Visita la nostra Valle Brembana