La Valle Brembana sta attaversando in questi ultimi mesi una vera situazione di emergenza
La Valle Brembana sta attaversando in questi ultimi mesi una vera situazione di emergenza per quanto riguarda il mondo del lavoro industriale e l'occupazione in generale. Le ultime situazioni di crisi determinatasi, seppur con cause e connotati diversi, alle Cartiere CIMA di San Giovanni Bianco, all'ALSTOM-FIR di San Pellegrino Terme ed alla CMS BREMBANA MACCHINE di Zogno, rappresentano gli esempi piu' concreti di come si stia vivendo in modo drammatico questo problema sul nostro territorio brembano. 

Segretario dei metalmeccanici
Intervista al Segretario dei metalmeccanici 
Fim-Cisl provinciale Angelo Faccoli


ValBrembanaWeb: Qual è la sua analisi sulla crisi di alcune imprese in Val Brembana?

La crisi specifica della CMS e FIR, due aziende metalmeccaniche è il risultato di scelte inadeguate sul piano industriale. Si pone da anni il grosso problema del ruolo delle multinazionali presenti nella nostra provincia, in particolare quelle francesi, che in una fase di rallentamento dell’economia, agiscono sui costi, rivedono i loro assetti industriali, spostano produzioni in altri paesi del mondo. Queste non hanno legami con il territorio, non si sentono vincolate come può essere l’imprenditore locale, valligiano e bergamasco, orgoglioso di aver cresciuto la sua impresa, che si trova in difficoltà finanziaria e produttiva per scelte che si rilevano sbagliate e che pesano sulla necessità di avere il tornaconto economico dell’impresa.
 

VBW: Esiste una specificità Val Brembana?

Si esiste, ma dal mio osservatorio provinciale chi sta peggio è la Val di Scalve. Se poi facciamo un'analisi obiettiva del sistema industriale, non è che la Valle Seriana in termini di infrastrutture e di viabilità stia meglio delle altre valli, eppure c’è un diffuso sistema industriale, frutto della presenza in loco di una cultura industriale che sta al passo con i tempi e assume la leadership a livello mondiale nel suo settore come ha dimostrato il gruppo  Radici nel meccanotessile.

Le istituzioni, le forze politiche e sociali, hanno fatto bene ad evidenziare la specificità Val Brembana, a preoccuparsi delle conseguenze socio- economiche, a puntare il dito sull’arretratezza infrastrutturale, in particolare della viabilità. La partecipativa manifestazione dei lavoratori svolta recentemente testimonia le preoccupazioni per il presente e futuro, dovute alla deindustrializzazione, al restringimento dei posti di lavoro. E’ fuor discussione che migliorare il sistema territorio favorisce lo sviluppo, pesa di meno sul costo del prodotto di un'impresa, aumenta spazi di contrattazione a vantaggio dei lavoratori, può ridurre il fenomeno del pendolarismo.

Ma bisogna avere la consapevolezza che anche con un sistema  territorio più efficiente, l’impresa con prodotti a basso valore aggiunto non ha futuro, mentre potrebbe favorire l’insediamento di nuove imprese con prodotti innovativi, ad alto valore aggiunto. Ci sono imprese nella zona di Brembilla che hanno ottenuto il riconoscimento internazionale sulla qualità dei loro prodotti, come la Gervasoni  che realizza autonomamente una scuola permanente di formazione per avere professionalità adeguate al suo prodotto qualitativo.

La specificità della Val Brembana diventa la specificità della realtà provinciale, dove,  per risollevare le sorti del settore industriale, è necessario un forte sforzo da parte degli imprenditori sul fronte degli investimenti in tecnologia e ricerca. L’ultimo biennio ha registrato difficoltà, per il 2003 gli indicatori economici non danno una ripresa tale da risollevare le sorti in cui si trovano parecchie imprese.
 

VBW: Quando si parla della provincia di Bergamo sul piano nazionale, si parla di piena occupazione?

Ritengo preoccupante la sottovalutazione del fenomeno attuale che da anni la Fim - Cisl ha evidenziato. Gli esempi di difficoltà sono legati a singole realtà produttive, sempre più in aumento.
Questo da l’impressione che sia una questione esclusivamente legata al mercato, ma in realtà il dato è strutturale. Se ogni settimana si aprono procedure di cassa integrazione e mobilità, con imprese che dichiarano eccedenze strutturali di lavoratori, significa che il fenomeno è di ampia portata e tocca tutte le zone della nostra provincia.

Manifestazione RSU a San Pellegrino Terme

Le fabbriche in difficoltà diventano (almeno così è stato fino ad oggi) emergenza alle quali le organizzazioni sindacali e le Rsu sono chiamate a rispondere a difesa dell’occupazione, costretti a discutere di riorganizzazione – efficienza, riduzione dei posti di lavoro. Continuare ad affrontare così ogni singolo caso che si apre senza una visione più ampia almeno di dimensione provinciale, alla fine rischia di essere completamente perdente. Occorre un salto di qualità nel modello industriale orobico, un salto che manca all’appello nel 40% delle imprese bergamasche. Questo va analizzato, diversamente il futuro non sarà di piena occupazione. Sono soprattutto le realtà medio -piccole ad evidenziare serie difficoltà in questo senso.

E’ totalmente assente sul tavolo della concertazione una gestione provinciale della  trasformazione industriale verso prodotti innovativi - qualitativi, in settore avanzati. Il territorio bergamasco da tempo non attira nuovi investimenti, nuovi insediamenti in settori avanzati ad alta tecnologie, nel frattempo continua a perdere segmenti o intere unità produttive.

Si impone un’attenta analisi della realtà industriale presente, monitorando le condizioni in cui si trovano le imprese e nei casi di sofferenza, quali interventi sono necessari per assicurare continuamente produttività – occupazionale – professionale. Senza analisi e interventi adeguati nell’impresa e nel sistema territorio, l’innalzamento dei livelli di competitività seleziona, impone fusioni, processi di razionalizzazione e mobilità della produzione e dei lavoratori.
 

VBW: Le infrastrutture inadeguate incidono sul sistema industriale?

Alle difficoltà di alcune imprese incidono le carenze del territorio, in particolare quelle viarie.
L’inadeguatezza del sistema territorio continua a restringere spazi di miglioramento per le imprese e per i lavoratori. Se centrale rimane lo sviluppo qualitativo- economico e sociale della Valle Brembana, ma  anche delle altre valli e zone, ognuno nel proprio ambito di ruolo e competenze deve costantemente sentirsi impegnato per la sua realizzazione in tempi ben definiti e certi. 
E’ indispensabile che si assegni legittimità istituzionale al tavolo concertativo a livello provinciale, dove chiari sono gli obiettivi che da anni si ripetono in varie relazioni e documenti.
 

VBW: Oltre al sistema efficiente delle infrastrutture, cosa devono fare le imprese per essere competitive?

C’è un nodo da sciogliere: se la competitività da parte delle imprese si affronta prevalentemente sui costi alle lunghe non regge, e le ricadute sui livelli occupazionali e sulle condizioni dei lavoratori saranno pesanti.
Viceversa come da anni la Fim-Cisl sostiene, se la prevalenza delle scelte dell’impresa si orientano ad investimenti innovativi di prodotti e di processo, nella ricerca e formazione (tutte cose che un’azienda partecipativa dovrebbe fare) si assicura uno sviluppo strategico qualitativo nei prodotti e settori avanzati. Esempi di queste imprese sono presenti nella nostra provincia, troppo pochi purtroppo rispetto alle necessità di avere un futuro industriale avanzato – competitivo – qualitativo e stabile.
E’ su quest’ultima opzione che il sindacato e le Rsu devono incidere preventivamente nella contrattazione aziendale di 2° livello e a livello provinciale per l’attuazione di politiche e piani industriali  adeguati. Quando parliamo di impresa competitiva, parliamo anche di sistema territorio efficiente. Il Governo di questi processi deve farci sentire tutti impegnati, ognuno nelle proprie competenze  e responsabilità, ma per incidere ai livelli superiori, occorre remare tutti  verso l’approdo giusto: quello dello sviluppo, del lavoro, della formazione, della qualità della vita e dell’ambiente.
 
 

                                              Val Brembana Web 
Valter Milesi
Simone Moro
Felice Riceputi
Gherardi Silvano
Quarteroni Gino
Giand. Epis


 
 


Visita la nostra Valle Brembana